La società dell’uomo moderno nel 2013

Critiche alle nuove tecnologie da parte di un assiduo utilizzatore.

 

“La vita è quella che succede mentre scorri la tua home su Facebook”, frase trita e ritrita che non porta sicuramente nessuna intuizione o corollario degno di nota, tuttavia il mio approfondimento: Come e Perché tutto diventa sempre più piccolo, vicino, ma VIRTUALE.

PREMESSA di valore. Chi vi scrive non è di certo un Luddista, né tantomeno un invocatore del reset della società, uso in maniera fin troppo assidua software e silicio in ogni momento della giornata. Ho un iPhone 5 ed un computer che “stimo” solo perché fa ottimamente il suo sporco lavoro ed è costato una miseria.
Ho un profilo su Facebook, Twitter, Youtube, un blog che, in questo momento state leggendo e persino una homepage.

Continua a leggere

Annunci

“BUSINESS PROFUGHI”: È’ tutto oro quello che luccica?

Salve a tutti i lettori.
Gradirei aprire questo mio breve articolo marcando che il razzismo non è ivi contemplato, e lungi da me inneggiarlo.
Vorrei però rompere questo silenzio quasi “dovuto”, nei confronti degli atti compiuti dagli innumerevoli immigrati in Sicilia (Lampedusa insegna), ma soprattutto a Mineo (che, ricordiamolo, ospita uno dei più grandi centri di accoglienza della regione, d’Italia e d’Europa.)
Vi parlavo di un silenzio dovuto, commenti riferiti sottovoce da balcone a balcone, da finestra a finestra o semplicemente al bar; silenzio dovuto proprio perché nessuno vuole correre il rischio, forse, di passare per inospitale, intollerante o peggio, razzista.

Continua a leggere

La dichiarazione di voto NOI Mineo sul Rendiconto di Gestione

“Nello scorso Consiglio la mancanza dell’approvazione favorevole del bilancio consutivo causata da dei dubbi tecnici, sorti, ci ha portato a depositare alcune motivazioni.
Il Consiglio comunale come più volte ripetuto, cari cittadini, è organo di controllo e indirizzo, non è un semplice passacarte, anche perchè ogni singolo consigliere facendo fede al mandato ricevuto ha la responsabilità di ciò che dice e di ciò che omette di dire.
Questo è il reale costo della democrazia, e non è viceversa come alcuni hanno detto sperpero di Denato.
Su un bilancio di milioni di euro, prendersi il tempo opportuno per sollevare dubbi tecnici che da controllori avevamo il dovere di sottoporre agli organi competenti (così come abbiamo fatto) investendo meno di 300€ di indennità da riconoscere ad un Commissario Regionale per noi è un investimento degno, PIU’ che degno, del nostro ruolo.
Alla luce di tutto, il nostro senso di responsabilità interessato e rivolto soprattutto alla cittadinanza, che viceversa subirebbe 5 anni di paralisi (che non può di certo permettersi), ci ha indotti a dare voto favorevole PER MINEO.”

Per scongiurare qualche voce di piazza ci teniamo a precisare che siamo stati gli ultimi a dare dichiarazione di voto, e quindi la nostra astensione dal voto non avrebbe pregiudicato l’approvazione, e ci avrebbe dato la possibilità di vestire la stretta veste degli irriducibili.
Anche stavolta il senso di responsabilità ha predominato su ogni altro modus operandi.